Avelli Carlo

Attaccante 05/03/1985 Treviglio (BG)

Il calcio è sempre stata la mia più grande passione fin da piccolissimo, è stato il motore della mia vita, un rifugio e in un certo senso una salvezza, il mio sogno più grande è sempre stato quello di poter giocare una partita ufficiale, una partita vera diciamo.
Essendo nato con una malformazione, ho subito diversi interventi chirurgici, fino all’amputazione di una gamba all’età di 14 anni, ma ciononostante, non ho mai smesso di giocare e di inseguire il mio sogno, pur essendomi rotto la gamba ben due volte.
Gli anni passavano e la speranza di giocare diminuiva, ma non svaniva: non c’era notte che non sognassi o fantasticassi ad occhi aperti di essere un calciatore professionista.
Proprio quando sembrava che mi dovessi rassegnare, ecco la sorpresa: un mio amico fraterno si trova a giocare una partita di solidarietà con una squadra di amputati e appena finita la partita parla subito di me al presidente. Il mio sogno stava per trasformarsi nella splendia realtà che tutt’ora sto vivendo!
Sarò sempre grato a questo mio grande amico. Da allora mi alleno ogni settimana con la squadra del “Settebello” e cerco migliorarmi costantemente per onorare la maglia della Nazionale Italiana Calcio Amputati!
Spero che la mia storia possa essere di esempio per tutti coloro che hanno un sogno che credono impossibile da realizzare.

Torna su