Priami Daniel

Portiere 01/12/1988 Tel Aviv (Israele)

Mi chiamo Daniel Priami, vengo da Livorno e sono nato l’1 dicembre 1988.
Nella vita faccio il babbo di mia figlia Amelia; in piu gioco a calcetto con gli amici e mi alleno con il mio preparatore Emiliano.
Ho giocato a calcio fin da piccolo, i primi anni come attaccante poi come portiere. Nel 2006 all’età di 17 anni difendevo la porta del Cecina, in un scontro di gioco sono caduto male sul braccio destro, rompendomi radio e ulna. Dopo qualche settimana i medici decisero di amputare perché il braccio era infetto.
Dopo l’amputazione la passione di giocare a calcio non mi ha mai abbandonato, consapevole di non poter fare più il portiere non mi abbatto e mi metto a giocare in campo come centravanti.
Dopo qualche anno, esattamente nel 2014, il mio compagno di squadra Salvatore La Manna mi contattò su Facebook chiedendomi di provare il calcio per amputati, dicendomi che in Nazionale cercavano un portiere. All’inizio per me è stato difficile iniziare da capo, dopo 10 anni senza indossare i guanti, ma mi sono fatto coraggio e sono andato a provare durante il ritiro della squadra al centro Coni di Pisa. Da lì ho iniziato la mia avventura in azzurro e devo dire che il gruppo ha fatto la differenza sulla mia decisione! Con loro ho disputato 3 tornei in Polonia portando a casa tutte e tre le volte il premio come miglior portiere e poi, l’esperienza più bella, il Mondiale in Messico…bellissimo!! Ad ottobre di quest’anno ci aspettano gli europei in Turchia ad Istanbul. Sono sicuro che ci faremo valere.

Torna su